Cuore di legno

Il progetto di Luca & Velia per la costruzione di una casa in legno

Cuore di legno RSS Feed
 
 

Convegno sul Piano di Governo del Territorio a crescita zero di Solza (BG)

Notizia un po’ fuori tema, ma comunque vicina ad una visione lungimirante dell’uso del territorio…

Il comune di Solza, dopo aver adottato a luglio un PGT a crescita zero ha organizzato un convegno per presentarlo per venerdì 22 ottobre al quale parteciperà anche il sindaco Finiguerra, il primo ad approvare un PGT che non prevede ulteriore consumo del territorio.
In questi giorni saranno anche affidati i lavori per il rifacimento dell’intera pubblica illuminazione che prevede la sostituzione di tutte le vecchie lampade con quelle a Led.
Ecco il programma del convegno:

Un PGT per un altro mondo possibile
Si può ridurre il consumo di suolo e far quadrare il bilancio di un piccolo comune?
Convegno sul Piano di Governo del Territorio

  • 15.00 Registrazione
  • 15.15 Introduzione e saluti del sindaco di Solza Maria Carla Rocca
    Damiano Di Simine, presidente regionale Legambiente
    Cenni alla situazione lombarda, riferimenti all’Osservatorio sul Consumo di suolo.
  • 15.50 L’esperienza di Osnago Paolo Strina, sindaco
    Il PGT approvato a Osnago nel dicembre 2008 propone una pausa di riflessione nel tumultuoso sviluppo del paese innestato dal PRG del 1991 e punta sulla qualità piuttosto che sulla quantità degli interventi.
  • 16.20 L’esperienza di Cassinetta di Lugagnano Domenico Finiguerra, sindaco Consumo di suolo zero: chi l’ha già fatto.
    Nel 2007 ha definitivamente approvato un Pgt a crescita zero, un piano, cioè, che non contiene previsioni di crescita dell’insediamento e che punta a mantenere il più possibile intatto il proprio territorio agricolo. I cittadini amministrati dal sindaco Finiguerra accolgono con favore la piccolarivoluzione: per loro vale la pena pagare un po’ più di soldi, ma avere un territorio e un paesaggio intatti.
  • 16.50 Il Piano di Governo del Territorio del comune di Solza Mauro Baioni, urbanista
    Adottato a luglio 2010 un PGT che non prevede ulteriore consumo del territorio.
  • 17.20 Chiusura dei lavori
  • 17.30 Buffet

Castello Colleoni, Solza, BG
venerdì 22 ottobre 2010 - ore 15

Diffondete la notizia più che potete!!

Leggi e commenta: http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/lombardia/2010/10/convegno-sul-piano-di-governo-del-territorio-a-crescita-zero-di-solza-bg.html

PAEA

Non sempre le agenzie immobiliari vengono per nuocere… Un operatore mi ha segnalato l’associazione PAEA http://www.paea.it/

paea.gif

Dice il sito:
L’associazione Paea nasce con l’obiettivo di dare un’alternativa concreta a chi voglia sperimentare un nuovo modello di organizzazione lavorativa, sociale ed economica, occupandosi principalmente di ambiente e di tematiche legate ad esso.

Si può riassumere questo concetto nella frase “C’è anche un altro modo” che è il motto del Centro per l’Energia e l’Ambiente di Springe/Eldagsen in Germania. Che ci sia anche un altro modo è ormai innegabile, la grossa problematica è come mettere in pratica le varie alternative di cui disponiamo. L’attività  dell’ associazione vuole essere un esempio di come sia possibile percorrere questa strada. L’associazione si vuole porre come punto di riferimento per la promozione, lo sviluppo, la crescita e lo scambio con strutture e progetti autogestiti e non, nazionali e internazionali sulla base dei principi del mutuo appoggio e dell’autodeterminazione, della salvaguardia dell’ambiente, dell’uso delle energie rinnovabili, del risparmio energetico e idrico, dell’agricoltura biologica e della crescita personale e culturale. Il lavoro dell’associazione abbraccia quindi diversi ambiti perchà© se di ambiente si vuol parlare, bisogna che lo sguardo sia rivolto a tutti gli aspetti che mettono in relazione le persone con l’habitat in cui vivono. L’associazione rifiuta l’etica consumistica imperante e rafforza la pratica di quella che definisce una cultura ed economia della saggezza, semplicità  e uguaglianza, opera inoltre per produrre un profondo cambiamento culturale teso al superamento della logica del profitto e dello sfruttamento propri dell’attuale modello di sviluppo, promovendo un modello sociale che favorisca i rapporti di solidarietà  e di uguaglianza sociale.

PAEA diffonde e sostiene tutte quelle iniziative che promuovano un reale miglioramento della qualità  della vita attraverso:
- un’ imprenditorialità  attenta alla crescita personale di coloro che lavorano,
- la riduzione degli impatti ambientali,
- la tutela del territorio e la rinnovabilità  delle risorse,
- l’autogestione intesa come promozione di una più profonda coscienza collettiva che faccia sperimentare un modo partecipativo di organizzarsi nel lavoro e nella vita di gruppo,
- la solidarietà  tra i popoli e tra le persone per la costruzione di rapporti basati sul rispetto della persona, intesa come stile di vita e come metodo di organizzazione della vita sociale, economica e politica, una maggiore attenzione verso scelte di consumo rispettose della persona e dell’ambiente,
- relazioni dirette fra le persone che stimolino la conoscenza e la fiducia reciproca.

PAEA raggiunge questi obiettivi attraverso:

- lo svolgimento di attività  di formazione, informazione, istruzione, ricerca e documentazione,
- la creazione di un archivio di documentazione e consultazione su ambiente, energie rinnovabili, risparmio energetico e idrico e agricoltura biologica,
- rapporti diretti e di scambio di informazioni, di beni e servizi, promovendo rapporti di collaborazione e cooperazione, - la promozione dell’uso delle energie rinnovabili, del risparmio energetico, idrico e di un uso razionale dell’energia,
- la realizzazione della depurazione delle acque di scarico attraverso sistemi di depurazione naturali, quali la fitodepurazione,
- la scelta della architettura biologica mediante lo studio, la ricerca e la sperimentazione su case a basso consumo energetico, bilanci energetici, isolamento termico, materiali naturali, sistemi di riscaldamento ecocompatibili e sistemi di cogenerazione,
- il recupero e la divulgazione di antiche tecniche artigianali e costruttive,
- la sperimentazione dell’autosufficienza alimentare anche con lo scambio diretto di prodotti alimentari di primo fabbisogno e l’organizzazione di acquisti collettivi di prodotti,
- la diffusione di una cultura alimentare biologica che approfondisca le proprietà  curative dei vari cibi integrando i principi vegetariani, mediterranei e macrobiotici, anche attraverso l’utilizzo di piante aromatiche e officinali,
- la promozione di una cultura di sussistenza essenziale e sostenibile che prevede la pianificazione di colture permanenti, che abbiano come base le leggi della sinergetica in cui ciascun elemento, partendo da una lavorazione minima del terreno, contribuisca al perseguimento del fine di autofertilizzazione della terra,
- il sostenimento di iniziative di finanza etica e di economia no-profit.

Pagine

Categorie

Consigli personali:

Stampa foto con:
ISCRIVITI A PHOTOCITY

Menu di servizio

Altre case

Blog e tecnologia

Casa e leggi

Casa ECO e risparmio energetico

Costruttori di case

Impianti tecnologici

Cookies

Questo sito utilizza cookies per memorizzare informazioni anonime a fini statistici. Proseguendo con la navigazione accetti l'uso di queste tecnologie.

Seguimi...

Cerca nel blog...

Pubblicità

Parliamo?

Pagami un legnetto

Puoi dare il tuo contributo al nostro progetto facendo una donazione con PayPal.
L'invito a cena nella nuova casa è garantito...

Articoli recenti

Archivio messaggi

Contatore visite